sabato 7 luglio 2012

scivolar di tempo

....interminabile, il tempo,
che scivola nelle tappe
della burocrazia della morte.
Mentre aspettiamo,
che stabilizzino il corpo, 

(circolo, reni e respiro)che lo sistemino,
che lo dichiarino morto
e poi  vengano a chiedere
che ci vengano a chiedere i suoi pezzi
in cambio di sei ore del suo corpo caldo
da accarezzare e guardare ancora,
dico, mentre aspettiamo, io lo so
che non c'è amore dietro questo tempo
che ci viene concesso
per ricordare e amare e digerire
la morte del nostro più bel bambino.
Non c'è amore. Ma siamo di ghiaccio
e il resto non importa.
Tu gli tieni la mano, io accarezzo
le dita del piede e la giovane gamba.
Siamo madri d'altri figli.
ma questo dolore
non può essere esaurito.

4 commenti:

  1. Sono parole di carne, di tatto, di olfatto, di vista che fanno diventare reale e presente in noi madri un dolore che tutte ci portiamo già dentro appena partoriamo di cui intuiamo appena l'intensità quando magari leggiamo queste parole e subito pensiamo a chi quel dolore gli ha invaso anima corpo e mente.. e subito siamo tutte un pò madri di quei piedi.Claudia

    RispondiElimina
  2. Vorrei sapere chi ha scritto queste parole, grazie Claudia

    RispondiElimina
  3. in che senso, claudia? le ho scritte io. è il mio blog. Scusa, cara, ma se cito metto sempre l'autore. Un bacione. Caps

    RispondiElimina
  4. è stata una brutta settimana, scusami. una settimana molto brutta.

    RispondiElimina