lunedì 11 giugno 2012

per essere felice

La grande Isadora  ha proposto il tema della settimana sul gruppo FUL (fantasia unico limite) ed ha spiattellato la locuzione che intitola questo post. I partecipanti possono se lo desiderano, scrivere un racconto che si intitoli così: per essere felice.

Non necessariamente autobiografico.
Però sul casus belli della felicità ci devi riflettere per scriverci sopra.
Parecchie settimane fa avevo proposto io un tema: "uno scopo nella vita". Però uno scopo nella vita e "per essere felici" non sono lo stesso tema.
Così ci penso da un certo numero di ore. Intanto, a domanda mi rispondo:sì, sono ragionevolmente felice. Certo non sono infelice. Lo sono stata, è vero. Ci vuole uno sforzo intenso e un impegno costante per convincermi ad essere infelice in assenza di gravi sfighe, ma qualcuno, con la mia piena collaborazione, ha preso a cuore questo compito e debbo dire con un discreto successo, almeno fino a quando non ho deciso di interrompere la citata collaborazione.
Al momento attuale sono passabilmente felice, direi. La felicità è una cosina sfarfallante, sale un po' e scende un po' esattamente  come una farfallina sospinta dalle sue ali, ma anche dal vento, dai profumi, tra un raggio di sole e un altro. Mi sono chiesta cosa faccio per essere felice. Ecco, sostanzialmente non faccio nulla per essere felice. Faccio un sacco di cose per i miei figli e per i miei pazienti, ne faccio parecchie per la mia associazione, altre ne faccio per amici, colleghi, conoscenti, anche per sconosciuti. Ho passato una certa quantità di tempo a consolare un cane stupidissimo che si sentiva solo, ieri, e bisognoso di coccole (peraltro un cane ingrato che mi abbaia invariabilmente ogni volta che mi vede, per cinque minuti, giusto per affermare la propria supremazia di cane di casa sulla mia figura di visitatrice).
Faccio un sacco di cose per un sacco di motivi, ma verosimilmente non faccio  molto "per essere felice".
Persino il mio shopping non credo di farlo per essere felice: non mi serve comprare nulla per essere felice. Eppure, ecco, a pensarci seriamente, le cose che faccio per essere felice ci sono, eccome se ci sono. Ascolto musica. Anche in questo momento le mie orecchie mi rendono felice. Canticchio, leggo, guardo le cose intorno a me, cucino, aiuto i miei figli a crescere, ascolto la gente, e scrivo nel blog.
Forse nessuna di queste cose, a parte la musica, ha il solo scopo di rendermi felice, ma ognuna di esse lo fa.
così cosa occorre per essere felici non lo so.  Questo aiuta, ma "l'estasi è nel cuore", qualunque cosa siano l'uno e l'altra.
una bacione da Capsicum.

Nessun commento:

Posta un commento