domenica 20 maggio 2012

Pensierino della sera

Quando ero giovane e la televisione era una cosa miracolosa, prodotta con la massima cur ed osservata come uno spettacolo meraviglioso, c'era un piccolo programma serale che si chiamava abat'jour , scritto proprio per benino, con tanto di sigla iniziale e finale, musica di sottofondo, e insomma c'era l'ultima parte, prima della buonanotte, che si intitolava pensierino della sera. Sono nostalgica oggi. Mi girano in testa delle metafore. E altre cose che ho ascoltato. Insomma, il pensiero della sera e' questo. Ci sono persone socievoli ed espansive e nulla farebbe pensare che esse siano anche profondamente riservate. Cme una pesca, morbidissima e sugosa, con la su lieve buccia che non la protegge neppure dal piu' leggero tocco. Dentro pero' custodiscono una mandorla, chiusa in un durissimo nocciolo, quasi inaccessibile. E dopo il pensierino della sera una mano tirava l'interruttore a cordicella, l'abat-jour si spegneva e una voce augurava: "Buonanotte!"

1 commento:

  1. ecco mi ci trovo proprio, una bella pesca, peccato che il mio nocciolo lo conosca poco anch'io! Claudia

    RispondiElimina