sabato 14 gennaio 2012

tre bottoni colorati

Stamattina il collega ed amico che ha fatto da relatore al nostro incontro di nucleo era particolarmente elegante. Una giacca blù cina di fustagno con le toppe color ruggine e i pantaloni, pure di fustagno, dello stesso color ruggine, il bavero impunturato a mano e infine i tre bottoncini del polso ognuno di un colore diverso: grigio, ruggine e blù.

La cosa non poteva sfuggire alla collega più chic del gruppo, in vena di scherzi, che l'ha simpaticamente preso in mezzo alla pausa caffè, ispezionando platealmente anche cravatta, camicia e fazzoletto nel taschino.
Sì, dice lui sorridendo, sto rimpinguando le finanze del negoziante vicino al mio studio, che ha delle cose belle, anche se un po' care. Perché, continua con un sorriso, da quando sono rimasto solo (e la guarda dritto negli occhi) -  lo sai che ormai mia moglie è morta da un anno e mezzo - a volte mi sento depresso, solo e triste, e allora nella migliore tradizione dei depressi mi fermo dal mio vicino e compro qualcosa.

;-)

1 commento: