venerdì 10 settembre 2010

Penelope, o della vita fermata.

La mia anima vuole appoggiarsi a te
Come il mio viso desidera il tuo petto,
La mia guancia  la tua spalla e il naso
Raggiungere l'incavo del tuo collo;
La mia schiena vuole sentire il tuo braccio
Che mi circonda e mi sostiene. L’ attesa
Del tuo ritorno mi è già pace, Odisseo. 
 

Nessun commento:

Posta un commento