lunedì 15 marzo 2010

LE COSE CHE CI FANNO PAURA

Ecco,una cosa che fa paura è la TAC. Tutte quelle radiazioni, roba pericolosa, capita che magari uno non la vuole fare, i raggi X, roba da ammalarcisi.
Un signore di mezza età, con la moglie ancora attraente, due belle figliole, un nipotino nato da pochi mesi, s'è rassegnato a venire dal medico perché affanna nel fare le scale.
Ma la TAC non la vuole.
Io invece sono molto preoccupata. Ha una tosse da mesi, ma all'auscultazione non sento proprio niente. Né sibili, né rumori umidi, piuttosto una scarsità che un'abbondanza di rumori.Non vuole fare nulla. Al massimo una lastra. Ma che me ne faccio di una lastra? E' un fumatore. Gli ho proposto di smettere, ma ha sollevato le spalle, non saranno certo quelle poche sigarette al giorno a fargli male.
Mi scapperebbe da ridere, se non si trattasse della tragica quotidianità della disinformazione, mescolata alla presunzione di chi "sa da sè" cosa gli fa male e cosa no.
Bene, riesco a convinverlo a fare una risonanza, ma, lo avverto, ci vorrà più tempo di quel che sarebbe desiderabile.
Mi richiama il giorno dopo. Si è convinto, farà la TAC.
E pochi giorni dopo ho visto il risultato. Avevo ragione io. Ma avrei preferito aver torto.

7 commenti:

  1. e ci si sente ancora più impotenti

    RispondiElimina
  2. ci vuole proprio una grande umanità per fare il tuo mestiere. io li prenderei a calci questi uomini (sono spesso uomini) che pensano di poter fare da soli, che non vogliono abbassare la testa e accettare la cura. non potrei mai fare il medico, sarei spietata.

    RispondiElimina
  3. Della serie: agli zoppi grucciate. Mi sa che il medico è meglio di no, sì.

    RispondiElimina
  4. Scusa se butto lì una cosa un po' fuori tema, ma negli anni la TAC è diventata sempre meno pericolosa perché il progresso delle tecniche matematiche ha reso sempre più ridotta (e continuerà a farlo) la quantità di radiazione necessaria.

    RispondiElimina
  5. ehi, IO lo so, e lo dico, pure, così come dico che anche dieci sigarette al giorno fanno MOLTO male. Ma nonostante ciò certa gente continua a temere le TAC e non le sigarette. Con prevedibili risultati.

    RispondiElimina
  6. Ho saputo che stanno studiando un'applicazione del piano proiettivo (!) con cui non dovrebbe più essere necessario infilarsi in un tubo. Questo penso che darà un notevole sollievo psicologico.

    RispondiElimina
  7. le nuove tac hanno un anello più che un tubo, le nuove risonanze neppure quello; ma non ho idea della matematica che ci sia dietro.

    RispondiElimina