lunedì 2 novembre 2009

pandemia

Sono rimaste indietro due visite oggi, e non avevo capito perché.

Poi il mio collega, nell'uscire dallo studio insieme, dopo le otto di sera, mia ha fatto notare il numero pazzesco di telefonate che abbiamo ricevuto.

Bloccati dal telefono. Fagocitati dal telefono. E tutti vogliono sapere la stessa cosa: il vaccino? la suina?
 
telefonano tutti, non hanno capito che si vaccineranno solo le persone malate, ma malate davvero, diabetici,asmatici in trattamento, malati di tumore, cardiopatici veri,  non i sani; che il vaccino non è disponibile in farmacia; che le dosi arrivate sinora sono per il personale sanitario e gli insegnanti e altre categorie che possono diffondere la malattia; che il vaccino per i pazienti (malati cronici) arriverà a metà novembre, e che comunque per allora un sacco di gente la suina l'avrà già presa e quindi tutti quelli che si sono già ammalati non li vaccineremo più.
 
Intanto rispondendo al telefono per queste cazzate mi sono saltate due domiciliari, che magari saranno anche state inutili, ma due domiciliari erano, di persone che non stanno bene e che mi aspetteranno sino a domattina, e voglio dire, io, sto Topo Gigio della malora non potrebbe dirle lui queste cose invece di blaterare "telefonate al medico di famiglia, telefonategli!"

Come se il medico di famiglia non avesse altro da fare che il centralinista o il telefono suino, come se la gente non si ammalasse anche in questi giorni, non venisse in ambulatorio, non dovesse essere visitata, ricettata, ricoverata, curata..

E alla fine la fiorista, dopo aver preso le sue prescrizioni, mi ha detto: lei è stanca, non l'ho mai vista così stanca, dovrebbe andare a casa e riposare, sa? tutto per delle telefonate e un Topo Gigio idiota.

P.S. poi, lo so da me che per chi mi telefona non sono cazzate, e so anche che chi ha montato sto cancan mediatico andrebbe mandato alla gogna e io gli tirerei le uova marce e i pomodori acerbi, belli duri e ben forte.

9 commenti:

  1. Be', via, il topo parla solo di chiamare il medico quando si e` gia` ammalati, non per vaccinarsi o per esorcizzare paure. I tuoi pazienti sono degli estrapolatori.
    Va poi detto che io sono un insegnante (con oltre 180 potenziali "vittime") ma non ho avuto uno straccio di comunicazione dalla mia presidenza. Non ho voglia di vaccinarmi, ma se mi venisse? A chi dovrei rivolgermi se non al mio medico di famiglia?

    RispondiElimina
  2. Certo che il "telefono suino", detto poi con quell'animosita`, fa crepare dal ridere. Sei grande, Capsicum! Tutti vorremmo essere vaccinati da te :-)

    RispondiElimina
  3. un inferno, ieri sono passata dal pediatra per altro: era un vero inferno. maledetti tg, una volta di più!

    RispondiElimina
  4. Se ti può consolare, ieri mia madre -che è pediatra di base- mi ha detto le stesse cose, forse con toni leggermente più coloriti...

    RispondiElimina
  5. eddai...gli tiriamo uova marce e pomodori verdi? tiriamo quelli marci anche di pomodori, lo so, fanno meno male, ma fanno più schifo

    RispondiElimina
  6. .......e magari chi dovrebbe vaccinarsi veramente manco si fa vivo, non gliene può fregà de' meno....

    RispondiElimina
  7. C'è da dire che è da mesi che stanno spargendo il panico su questa influenza.

    I giornalisti urlano, urlano e voi medici ne pagate le conseguenza.

    "Negli USA Obama dichiara lo stato di emergenza. Nelle chiese statunitensi vietato scambiarsi il segno della pace"

    "E un altra vittima dell'influenza A nel..."

    E poi sis tupiscono che c'è una fila di mamme con i bambini con la febbre al pronto soccoso (che secondo me gli fa peggio starsene in giro a prendere freddo...

    RispondiElimina
  8. mammaoggilavora3 novembre 2009 17:34

    ma non c'e' il vaccino contro la "panfobia" alimentata abbondantemente dai media?
    Comunque non solo in Italia, anche in Francia con il cancan mediatico suino si sta eccedendo.

    Ti passo i pomodori verdi da tirare...

    RispondiElimina
  9. Io, che sono notoriamente cattivissima, tirerei ANANAS a svariate persone!

    Nelle scuole ci sono le informazioni giuste, è vero, ma poi non ci sono i soldi necessari per fare le pulizie: niente sapone nei bagni degli alunni (Topo Gigio non consiglia il lavaggio mani?), niente soldi per disinfettanti e detergenti per ambienti e quindi si usa solo spugna e acqua per pulire qualunque cosa!!!

    Alcune scuole hanno i finestroni semifissi, qualcuna ha le finestre rotte da anni e lasciate chiuse fisse. Arieggiare? Chi ci riesce?

    Limitare il contatto è poi impossibile in aule sovraffollate!

    Dicono "stai a casa se sei ammalato anche solo un pochino" ma anche "ti tolgo soldi se ti metti in malattia". E allora che si fa?

    NOCI DI COCCO... ?

    RispondiElimina