venerdì 30 ottobre 2009

il tempo è contato

dovremmo, costantemente, ricordarcelo.
quando rimandiamo incontri gradevoli, quando tiriamo in lungo situazioni senza senso, quando ci rendiamo infelici, quando rifiutiamo a noi stessi le semplice speranza, quando la paura di cambiare ci fa chinare il mento, quando andiamo avanti a testa bassa incontro alla morte scegliendo il raggio meno luminoso, più vicino al suolo, povero di vertigine e d'emozione.
ogni minuto che gettiamo via così è tolto da quel tempo contato.
un abbraccio
Capsicum

1 commento:

  1. Dovremmo tutti i giromi ricordare che non sempre è tutto scontato, non sempre le cose vanno come oggi, il domani non sappiamo mai quello che ci riserva, e allora ben venga il tempo passato piacevolmente da soli o in compagnia

    RispondiElimina