venerdì 25 settembre 2009

mio marito ha letto ....

... il racconto con cui ho tormentato un sacco di gente negli scorsi mesi. L'ha fatto quando non era più rilevante che lo facesse, visto che l'avevo già spedito, e meravigliandomi non poco, dato che è la prima volta che legge qualcosa scritto da me.
E ha detto: sai, cosa debbo dirti, è piuttosto insulso, senza capo né coda, insomma, complimenti per la fantasia, davvero, ma proprio una roba priva di senso, sai.

ok, così imparo. che comunque se l'ha letto è solo perché di questi tempi si sente insicuro e mi vorrebbe compiacere. vi chiederete come sia quando non cerca di compiacermi.....

11 commenti:

  1. Sta sentendo il suo trono vacillare? Cosa vuoi mai che faccia per compiacerti? Come tutti gli uomini, tenta con due moine, poi...arrivederci e grazie

    RispondiElimina
  2. Cris, cara, non siamo troppo severe con gli uomini; loro non fanno altro che seguire i nostri segnali. Bisognerebbe diventare sfacciate ed esplicite, come le slave, o alcune sudamericane, per esempio. Loro sono bravissime: chiare, esplicite, sfacciate, e piacciono tanto. Insomma, sono convinta che parlare chiaro sia la miglior cosa.  Poi, non so che mi sia venuto in mente di fargli leggere il racconto, anzi, lo so: è stata colpa di Giancarlo. Lui l'ha portato a casa  per leggerlo e ha detto a Ginafranco: tu l'hai letto? e lui allora ha risposto, non ancora. Ecco tutto.

    RispondiElimina
  3. Calma.

    Ho la ventura di sapere di che genere e` il racconto (ebbene si`!). E` un tipo che non e` adatto al palato di tutti, e in ogni caso non e` mai facile, secondo me, gustare un'opera di un genere a cui non si e` abituati, qualunque esso sia.


    Capisco il dispiacere di Capsicum, ma non la reazione di ziacris.


    Scusa, Cris, sarebbe stata meglio l'ipocrisia? E poi mi sembra che la franchezza, a costo di ferire, sia la dimostrazione che non sente alcuna debolezza del proprio "trono".


    Capsicum, rutilante spezia, se ti raccontassi tutte le incompatibilita` di gusti fra mia moglie e me forse ti chiederesti come facciamo a stare insieme. Invece e` forse la diversita` un ingrediente essenziale della nostra coesione; ed e` fonte di molto divertimento (e di giudizio indipendente?) per i nostri figli.

    RispondiElimina
  4. Max non mi piace l'ipocrisia, sono solamente molto disincantata o cinica nei confronti degli uomini. sono UOMINI.Punto e basta. Fanno i carini quando hanno qualche scopo recondito, quando non gli devi mettere i bastoni fra le ruote, quando posso svicolare da qualsiasi responsabilità. Ma con ciò non voglio disprezzare gli uomini, anzi, se non ci foste bisognerebbe inventarvi, altrimenti noi donne con chi potremmo prendercela? Come faremo a lamentarci dal parrucchiere o al mattino mentre facciamo colazione tutte assieme?

    RispondiElimina
  5. Cris, io non ti ho mai capito. Ho letto con una certa attenzione quello che scrivi, ma non ti ho capito. Certo, ognuno ha la sua storia e le sue esperienze. In fondo anche gli stereotipi esistono per qualche ragione.


    In questo caso, pero`, mi sembra ci sia stato solo un piccolo inciampo. Io scrivo articoli (anche) di divulgazione matematica. Forse da giovane ingenuo ne feci leggere uno o due a mia moglie. Giuro che non lo faccio piu`; ma non giudico dalla sua reazione l'intera popolazione femminile o la stabilita` del mio matrimonio.


    Capsicum, per chiarire meglio quanto dicevo prima, sai che io sono un convinto ammiratore dei tuoi racconti, ma per esempio non riesco a farmi permeare dalle tue poesie; e` un limite del mio sottofondo culturale, non della mia stima per te. Se poi ti venisse in mente di scrivere un racconto fantasy, probabilmente lo troverei un nonsense senza capo ne' coda, ecc. :-)

    RispondiElimina
  6. "non siamo troppo severe con gli uomini; loro non fanno altro che seguire i nostri segnali. [...] sono convinta che parlare chiaro sia la miglior cosa."


    Ma allora esiste (almeno una) donna che capisce quanto sia importante la chiarezza, la trasparenza e la totale sincerità con gli uomini!

    Stavo iniziando a perderci la speranza, ma come al solito la dottoressa mi stupisce :)


    -- Worthstream

    RispondiElimina
  7. senti, caro, ora però mi offri un assist mica male. Pure voi uomini ci date dei segnali e pure noi donne non facciamo altro che seguirli. una delle cose che mi hanno sempre dato sui nervi è il fatto che molti uomini non ti lasciano capire se sono disponibili o no. voglio dire: vi lamentate, in genere, perché non capite come mai alcuni abbiano tanto successo con le donne mentre altri (voi compresi in genere) invece no. Ebbene, hanno successo con le donne coloro che riescono a comunicare la propria disponibilità senza proporsi e autopromuoversi in modo insistente e imbarazzante, quando non addirittura, ridicolo, offensivo o persino aggressivo.

    ;-))

    RispondiElimina
  8. "Ebbene, hanno successo con le donne coloro che riescono a comunicare la propria disponibilità senza proporsi e autopromuoversi in modo insistente e imbarazzante, quando non addirittura, ridicolo, offensivo o persino aggressivo. "


    Ah, ecco. Elementare, Watson, perche' non c'ho pensato prima?? :-)

    RispondiElimina
  9. max, abbi pazienza, WS è ancora un bimbo; quel che per te è scontato forse non lo è per tutti....

    RispondiElimina
  10. Ma certo. Ho anche soluzioni per altri problemi.

    Fusione nucleare? Basta contenere efficacemente il plasma.

    Pace nel Vicino Oriente? Basta mettere d'accordo Israeliani e Palestinesi.

    Viaggio nell'iperspazio? Basta creare una piccola increspatura spaziotemporale.

    :-)

    RispondiElimina
  11. oh, ma insomma! dovrebbe essere semplice e anzi quasi imprescindibile per noi donne, invece per voi uomini è più facile la pace nel vicino oriente? ma hai ragione, il coraggio di esporsi non è da tutti....

    RispondiElimina