martedì 18 agosto 2009

questa faccenda dei teoremi di Godel...

.... è come fare una saint honorè. I bignè sembrano difficili, ma una volta scoperto il trucco sono semplici e pure divertenti, anche se talvolta non riescono e devi ricominciare da capo. La pasta sfoglia teoricamente è semplice, in pratica è lunga da fare, richiede manualità, attenzione, precisione, e tempo. Le creme bisogna avere un minimo di competenza e tanta concentrazione e tenacia. Una volta preparati tutti gli ingredienti montare la torta è facilissimo.


Così nel libro di Hofstadter (Godel, Escher, Bach: l'Eterna Ghirlanda Brillante) questa specie di dimostrazione facilitata per ignorantoni richiede la pasta sfoglia dell'aritmetica tipografica, i bignè dei sistemi formali e della diagonale di Cantor, le creme dei numeri di Godel,  e altro che ora magari non ricordo, poi metti tutto insieme e viene sta cosa bellissima che non ti aspettavi vedendo gli ingredienti sfusi, sopraqttutto quel tocco di zabaglione con la panna montata ti apre un mondo di possibilità, e ti dispiace di non aver scelto il mestiere del pasticcere. Ma oramai sei un medico e ti devi accontentare di fare una torta saint honorè di tanto in tanto.

3 commenti:

  1. Per ogni saint honorè sufficientemente raffinata esiste almeno un bigne' tale che nè il bignè esiste sulla torta, nè il bignè non esiste sulla torta.


    Scherzi a parte, hai citato il più bel libro che io abbia mai letto (e riletto, e riletto...) ;)


    -- Worthstream

    RispondiElimina
  2. esiste eccome! è quello che alex si divora prima che la torta sia finita e che mi tocca rimpiazzare! Bellissimo, concordo.

    RispondiElimina
  3. in altre parole se tu dovessi descrivere la mia torta s.h. In modo completo, sia pure solo geometricamente, non potresti poichè saresti costretto ad operare una specie di riduzione della descrizione ad una sezione dell'estensione temporale della torta s.h., e questo solo per dirne una delle riduzioni che saresti costretto a fare; dovresti scegliere un solo intervallo di temperatura e non sto ad illustrarti la drammatica diversità geometrica tra la stessa torta s.h. A + 4 gradi e a + 34 gradi, e via dicendo. In alatre parole se vuoi fare una descrizione geometrica completa della mia torta s.h. Ti ritrovo con quel bignè che sia esiste sia non esiste e con lo zabaglione che sia è zabaglione sia non è zabaglione eccetera eccetera. La cosa favolosa di Godel non è la sostanza di ciò che dice, che per molti versi è una ovvietà, è il fatto che riesca a DIMOSTRARLO. E anche che nel dimostrarlo metta in campo degli strumenti che ti aprono delle porte favolose, la tana del Bianconiglio, Bevimi e Mangiami, il Ventaglio, il mondo oltre lo specchio...... Sono innamorata, Vorrei riavere vent'anni per abbracciare una nuova religione!!!

    RispondiElimina