venerdì 28 agosto 2009

Cesare Pavese, sì.


Verrà la morte e avrà i tuoi occhi-
questa morte che ci accompagna
dal mattino alla sera, insonne,
sorda, come un vecchio rimorso
o un vizio assurdo. I tuoi occhi
saranno una vana parola,
un grido taciuto, un silenzio.
Così li vedi ogni mattina
quando su te sola ti pieghi
nello specchio. O cara speranza,
quel giorno sapremo anche noi
che sei la vita e sei il nulla


Per tutti la morte ha uno sguardo.
Verrà la morte e avrà i tuoi occhi.
Sarà come smettere un vizio,
come vedere nello specchio
riemergere un viso morto,
come ascoltare un labbro chiuso.
Scenderemo nel gorgo muti.


12 commenti:

  1. ciao, il nome della raccolta, svp?

    fjo


    PS: si sono dileguati tutti i tuoi commentatori??

    RispondiElimina
  2. il mestiere di vivere, dice il mio suggeritore... ma forse sbaglia, aggiunge!

    RispondiElimina
  3. il mio suggeritore ha cambiato idea, forse è lavorare stanca. i miei commentatori sono in vacanza, che credi? è agosto. Devi vedere il crollo degli accessi :-DD

    RispondiElimina
  4. e poi i miei commentatori commentano anche vecchi post, come quello sulla sedazione terminale di gennaio scorso o come "splinder e la vita che cambia" del 2006, addirittura. bacioni, cara fjo

    RispondiElimina
  5. saluti anche a te. 'scenderemo nel gorgo muti' e' un verso pazzesco.

    ma io pavese alle superiori mica l'ho fatto. la luna e i falo', l'ho pure abbandonato a meta'.

    PS: ma non sarai andata al mare sulla riviera?! hai scritto dei bei post, ma chiamarlo mare... tu poi che il mare lo sai com'e', o no?

    RispondiElimina
  6. dimentico la firma imbortantissima.

    fjo

    RispondiElimina
  7. temo che pavese faccia un po' paura, come pure un certo gozzano di cui ci vengono propinate le più blande delle liriche. è terribile e bello, e penso sempre che non ha resistito quanto me, finora io ho tenuto botta dieci anni in più, coraggio! sono stata di fronte alle Tremiti e in Calabria. due mari diversi, ma entrambi belli.

    RispondiElimina
  8. scusa allora per aver presupposto male. si' dov'eri era decisamente mare (per quanto ancora chissa').

    fjo


    PS: su gozzano pur non avendolo studiato ci ho fatto il tema di maturita'. interpretando liberamente la poesia trovata sul dizionario... che inventiva avevo allora!

    RispondiElimina
  9. La mia preferita.

    RispondiElimina
  10. sì, scenderemo nel gorgo muti! e la raccolta, guarda la memoria che scherzi ci fà, si chiama proprio Verrà la morte e avrà i tuoi occhi.......

    RispondiElimina
  11. le ho trovate seguendo la traccia di wikipedia

    http://www.classicitaliani.it/pavese/pavese_verr%C3%A0_la_morte.htm

    pero' il libro di carta e' assolutamente imprescindibile.

    fjo

    RispondiElimina