venerdì 24 luglio 2009

incompletezza o completamento?

credo che assistere alla morte di qualcuno, per quanto anziano possa essere come la noventasettenne di stamattina, ti lasci in bilico tra due sensazioni:


la prima, che si tratta dell'atto che completa la vita


la seconda: che nella vita é insito un fattore di incompletezza, un qualcosa che si ritorce contro e vi pone termine.


quindi? quale dei due termini in oggetto prevalga io non lo so. Mi limito a stringermi insieme a chi resta, per camminare un altro po' : che sia nel buio o che sia nella luce, si vedrà.


baci da Capsicum

Nessun commento:

Posta un commento