sabato 25 luglio 2009

antichi vizi

Ho preparato una straordinaria sangria con pesche percoche e uno straordinario barbera pavese; un goccio dello stesso s'è sposato al controfiletto contagiandolo di straordinarietà. A latere una collinetta di patatine fritte e pane casareccio fatto con la pasta madre.
Un tocco di burro, slinziga sbriciolata, latte e fontina per condire la pasta.

Il figlio ha dichiarato che non ho perso il mio tocco.

P.S. la ricetta della sangria è mutevole, risente del mio stato d'animo e delle voglie del momento. La prossima volta credo che ci metterò dentro delle more e della buccia di limone.

4 commenti:

  1. E' un controsenso cucinare così meravigliosamente e mangiare solo uno yogurt

    RispondiElimina
  2. Cos'è la slinziga?

    RispondiElimina
  3. la bresaola piccolina della valtellina, slinziga vuol dire piccola lingua. Sono bresaoline piccole e sottili, saporite e scure, adatte a cucinare, mentre la bresaola di punta d'anca, per esempio, sarebbe un peccato metterla in un sugo da pasta. Immagino che il N.1 vorrà sperimentare.... va bene comunque anche un po' di bresaola

    RispondiElimina
  4. cris, a me piace cucinare più che mangiare; ho gusti molto semplici e necessità scarse; mangio per me, cucino per gli altri.

    RispondiElimina