giovedì 25 giugno 2009

Amici?

Così, tutti abbiamo degli amici che ci tiriamo dietro da tre o più decenni, e non sappiamo più neppure perché.


Amici a cui siamo talmente abituati a fare dei favori che neanche ci viene in mente di chiederci cosa veramente pensano di noi. Ci dicono mi faresti..? e la risposta è si. Di domenica, per Natale, sotto Ferragosto, trovami uno specialista, trovami un medico, trovami questo o quello, guardami il bambino che ha forse la varicella... L'idea che aspettino solo l'occasione per diffamarci e spettegolare, per riversare su di noi una rancorosa invidia, non ci sfiora.


Così l'unica reazione è lo stupore. Neppure riesci ad incazzarti. Solo lo stupore. E chiaramente si tagliano i rapporti. In via definitiva. Ora e per sempre. E voglio pure sentire che mi chiedano come mai e perché.


Tra l'altro, ora che ci penso, mi viene comodo: nel giro di qualche anno alla persona in questione gli avrei dovuto curare seriamente la mamma, che ha doppiato l'ottantina e prima o poi avrebbe avuto bisogno di una sostanziosa quota del mio tempo. Che così mi risparmierò. Molto bene. Alla fine il bilancio è positivo, per me.


Rimane lo stupore, immotivato peraltro. Solo per il fatto di conoscerli da un tale numero di anni dovrebbero essere migliori di chiunque altro, di qualunque altro normalissimo idiota?

5 commenti:

  1. Pre-Scriptum: Il server dei commenti fa le bizze!


    Sara' che sono ingenuo, ma credo sempre nel dare spiegazioni, nel chiarirsi.

    Tagliare i contatti senza spiegare perche' non lascia la possibilità di chiarire un possibile (magari poco probabile, ma sempre possibile) malinteso.


    Che dici, devo ancora fare tanta strada per togliermi questa ingenuità e per capire che la fiducia negli altri non sempre è meritata?


    Worthstream

    RispondiElimina
  2. In teoria hai ragione, ma nello specifico quando ci vediamo ti racconto quel che non rientra nelle categorie del blog e ti sarà tutto chiaro....

    RispondiElimina
  3. non te l'ho poi raccontato, pazienza. baci

    RispondiElimina
  4. succede... delle volte ci sono dei fatti, degli eventi, dei passi che parlano da soli... e ti prendi delle distanze... e poi magari verifichi che sta bene così

    RispondiElimina
  5. si, come dici tu, prrof, proprio esattamente. un abbraccio. P.S. ti chiamo.

    RispondiElimina