mercoledì 6 maggio 2009

UN'ORA FA

Un'ora fa l'ambulanza ha portato una delle mie pazienti in hospice. Avrei diverse pazienti terminali che stanno terminando il tempo a loro disposizione. Ieri sono stata a casa sua per organizzare il tutto. Ho pensatoa  lungo a questo post, poi alla fine quel che mi interessa dirvi è solo questo. La signora ha un figlio di pochi anni più giovane di me. Pochi pochi. Si chiama come l'amico mio Ottonieri. Nelle scorse settimane abbiamo parlato spesso, del suo lavoro per lo più, fa un lavoro interessante qui al Borgo, un innovatore. Sempre molto razionale, calmo, sorridente. Anche freddo potrebbe sembrare, ma è uno che regala rose rosse a sua moglie, quindi forse no.


Ieri, per l'unica volta, per un istante gli si è spezzata la voce, mentre diceva: voglio fare in modo che soffra il meno che si può.


 

8 commenti:

  1. speriamo! (soffrire il meno possibile), anche se di questi tempi molti italiani proveranno ad impedire il buon proposito del figlio della tua paziente :(


    speriamo che quando toccherà a loro non cambino idea ;)

    RispondiElimina
  2. E una realtà che bisogna affrontare,anche se avolte la politica dello struzzo può aiutare. Speriamo non debba soffrire, non si debba rendere conto di dipendere in tutto e per tutto dagli altri

    RispondiElimina
  3. è morta venerdì nella tarda mattinata. fallimento cardiaco acuto. o scompenso che dir si voglia. insomma, mi sembrava importante dirlo. Era una gran donna, una gran donna come poche, una di quelle straordianrie e bellissime donne bolognesi. Uno splendore.

    RispondiElimina
  4. lo sai... che NON è un tuo fallimento.. vero

    RispondiElimina
  5. si, prrof, però...

    RispondiElimina
  6. Non resisto, Capsy. DEVO dirti che, se io regalassi rose rosse a mia moglie, lei le interpreterebbe come prodromi ad una richiesta di divorzio.


    I regali sono cose che concepisco (concepiamo) per gli altri, non per una parte di me...


    Max

    RispondiElimina
  7. ecco, max, mio marito non mi ha mai regalato delle rose, ma qualche volta mi sarebbe piaciuto, in via ipotetica. Poi mi sarei informata della cifra spesa e probabilmente l'avrei redarguito, però... ci sono uomini romantici, sai?

    RispondiElimina
  8. Nonono. Non mi sono spiegato. Non e` una questione di economia.


    E` _proprio_ perche' sono - credo - romantico, o meglio sentimentale, che potrei regalare una rosa a te (nel tentativo di sedurti...) ma mai alla donna della mia vita.


    Max

    RispondiElimina