mercoledì 1 aprile 2009

giornata piena

Stamattina mi sono alzata con una testa di capelli che sembravo un leone trasandato in un giorno di pioggia e che si sia svegliato di malumore. Ed ho avuto il tempo di domarli, i miei capelli, solo nel pomeriggio.


Il mio Piccolo ha detto: mamma la tua testa sembra una matassa di filo sopra un'altra matassa di filo. Ecco ora ricordo perché ho cominciato a portarli cortiuna ventina d'anni fa. Ma insomma, non c'erano le piastre e gli alliscianti odierni.


La collega che ha il mio stesso nome oggi era stanchissima.  Tra nome e cognome abbiamo una sola consonante diversa, buffo, vero? a volte cercano me pensando di trovare lei e viceversa. Per giunta mi sta anche simpatica, una donna di grande spessore. Ma è invecchiata, ed oggi m'è parsa esausta.


Un lavoro, il nostro, che ci strema.


Ho un arretrato di piccole incombenze domestiche e amministrative che fa paura. Pure una multa da pagare, ho. E non ne ho sbrigata nessuna. In compenso ha fatto shopping. Pantaloni nuovi e pure un tailleurino molto da professionista. Decisamente elegante. Sul lavoro aiuta. Per il resto,  ho l'impressione che nulla serva.

3 commenti:

  1. domani vado a pagare un'altra multa delle 5 arrivate...e siamo a quota 2 pagate...mi sono giocata il guardarba primaverile con quelle

    RispondiElimina
  2. si, con 5 direi proprio. peccato ci sono dei giallini e dei rosa che alla nostra età ci aiutano tanto....

    RispondiElimina
  3. anch'io "Ho un arretrato di incombenze".... e NON ho fatto shopping ;)

    RispondiElimina