sabato 14 febbraio 2009

tristezza

l'evoluzione del caso della signora englaro mi rattrista assai; ho avuto modo di leggere il disegno di legge sulle disposizioni anticipate sul sito della fondazione luca coscioni (www.lucacoscioni.it): tale disegno dice in poche parole che la vita è un bene di cui il cittadino non può disporre. In tale ottica non ha il diritto di rifiutare nutrizione e idratazione, per quanta sofferenza gli possa venire dalla alimentazione e idratazione forzata; dice esplicitamente che il medico è obbligato a fornire tali pratiche in ogni caso e a prescindere da quanto aggressivi e dolorosi possano essere i metodi per attuarle; dice altresì che ventuali disposizioni anticipate in contrasto non valgono una cippa e chi le avesse fatte si attachi al tram.


Dice anche, tra le righe,  che se per caso rifiutate una qualunque pratica medica, il vostro rifiuto vale solo fino a che siete coscienti, appena non lo siete più vi intubano come vogliono e anzi sono obbligati a farlo in quanto si presume che non possiate davvero desiderare il contrario.


Insomma, sposa in toto le più retrive posizioni cattoliche, e se non siete cattolici, mettiamo che siate cristiani evangelici, tanto per citare la Chiesa a cui va il mio otto per mille, ebbene, chi se ne frega?


io comunque vi invito a leggervi l'editoriale sul sito della FCEI la federazione delle chiese evangeliche in italia, qui:


 http://www.fedevangelica.it/index.php.


Così magari si riesce a capire come fede cristiana e pietà e compassione possano anche coesistere, cosa di cui si potrebbe dubitare guardando solo al comportamento della chiesa cattolica in questi giorni.


Baci da una perplessa capsicum

5 commenti:

  1. non essere perplessa capsicum!


    è che viviamo in mezzo ad una manica di ******* che di queste cose non se ne curano o ne blaterano a vanvera fino a che non ne sono interessati/e personalmente, dopo di che si stupiscono di come stanno le cose. A mio avviso, anche per molto meno, bisognerebbe mandare a casa un governo ma gli ******* di cui sopra magari non vedono il nesso tra chi votano e queste (piccole) cose, sia bel chiaro che non sto facendo propaganda per l'opposizione perchè i teodem ed altre anime della nostra (non)opposizione non sono molto diverse ;)


    un bel esempio lo ha fornito una testimonianza (credo di responsabili di un'AIED marchigiana):

    le donne che vengono ad abortire da noi per il 60% si dichiarano cattoliche e contrarie all'aborto, ma il loro è un caso particolare :/ .... ma mi chiedo??? esiste un aborto che NON è un caso particolare ?? qualcuno/a di voi conosce donne che hanno abortito così... per hobby??


    io speriamo che me la cavo, che mi rimanga il tempo e la lucidità di scavarmi dai piedi da solo :( o che qualcuno/a possa farlo per me di buon cuore in caso di mio impedimento :)


    capsicum c'è veramente da essere tristi ma cerca di resistere

    baci

    RispondiElimina
  2. venerdì una signora mi ha èpiantato una tomella, per via del gabapentin che bisogna pagarlo e costa venti euro, e in farmacia le hanno detto che c'è pure con la mutua e allora come mai a lei tocca pagarlo, le ho detto che è con la mutuap per i diabetici, i neoplastici, quelli che hanno avuto l'erpes e via dicendo, ma lei non rientra, e allora, mi ha detto, perhcé anni fa me lo davano' io ho detto anni fa la nota non c'era, e lei continuava a protestare eio le ho detto, guardi, signora, non è mica una decisione medica, si tratta di una decisione politica, lei dovrebbe protestare con le persone per cui ha votato, non con me, e lei a questo punto si è prprio risentita e ha detto ma insomma, cosa c'entra la politica? io non ci vado neppure a votare, quindi cosa c'entro io? e io le ho risposto signora se lei non va a votare lascia decidere agli altri e gli altri hanno deciso per lei, ma questo non cambia il fatto che queste decisipni derivano semrpe dalla politica e non dalla medicina. Ha messo giù piangendo dalla rabbia. Che poi lei forse non ha votato, ma tutto il resto della famiglia ha votato berlusconi e c, lo so perché me l'ha detto il marito. Ora, che ci può fare un povero medico se la gente è idiota?

    RispondiElimina
  3. ti fanno venire la voglia di migrare in Svizzera o in Olanda

    RispondiElimina
  4. anch'io spesso non voto ;) e ci sono intere pubblicazioni su che cosa è, o non è, la rappresentanza,

    ma insisto sul concetto....

    che questo governo sia quello che è è palese per tutti quelli che lo vogliono vedere... ma anche l'altro pure (quando si tratta di tagliare, quando si tratta di non disturbare le sensibilità e le tasche vaticane, quando si tratta mi mettere insieme sistemi mafiosi di saccheggio del territorio per creare danaro per i costruttori ed il partito, quando ecc. ecc.)


    certo che la signora non deve rompere le scatole a te, dato che le hai già spiegato le cose, deve solo rendersi conto che questa è la politica e....

    se tu non ti interessi di politica è la politica che si interessa a te ;)

    RispondiElimina
  5. infatti io penso che il voto sia prima di tutto un obbligo, anzichè un diritto. ma questa è un'altra storia.


    sul discorso che io non possa decidere della mia vita e il medico è obbligato a straziarmi all'infinito so con certezza che il buon senso prevale e molti medici applicano la dolce morte. una specie di sottobosco, ma anche questa cosa è compasione.

    RispondiElimina