martedì 11 novembre 2008

passare il tempo da mamma

dico spesso che i miei figli sono il senso di quel che ho fatto sinora. La loro esistenza giustifica tutti i compromessi che ho affrontato, da pragmatica di ferro, un anno dopo l'altro, sigillata nella determinazione, e basta.


Negli anni vivere da mamma ha significato molte cose, come sanno tutte le mamme. Da qualche settimana significa eliminare tutti gli impegni oltre l'ambulatorio e fare i compiti. Si, perché la prima media è difficile, bisogna ingranare, e la presenza della mamma aiuta.


Però non si riesce a fare altro.


Non si riesce a guardare un film, a leggere un libro, a scrivere un post, non si riesce ad andare a fare la spesa, a farsi i capelli dal parrucchiere, a portare la roba in tintoria. Non si riesce a fare un po' di moto, non si riesce a trovarsi con amici. Il primo mese non è un problema, poi si cominciano a vedere i capelli bianchi, si saltano gli appuntamenti dal dietologo, la dieta va a farsi friggere, il frigo è vuoto, si cercano i negozi aperti la domenica, il cappottino che volevi comprare l'hanno già venduto (questa sarebbe una fortuna, visto quel che costa), cominci a sentirti sola, il vecchio padre si ritiene abbandonato, e la lista continua.


Ok, denti stretti e camminare, passi lunghi e ben distesi, op!


E la settimana prossima si mette un sostituto per andare ai colloqui coi prof.

5 commenti:

  1. Leggendo il tuo post mi è sembrato di vedere la mia vita attuale... solo che io sono diventata mamma da soli otto mesi.

    RispondiElimina
  2. Ancora niente giretto in moto? Se rimane troppo ferma, si ovalizzano le gomme

    RispondiElimina
  3. anche io anche io u-gu-a-le

    RispondiElimina
  4. già fatto, ziacris; se domani non piovesse noi, io e la moto, si farebbe anche il bis. ci siamo trovate simpatiche;)

    RispondiElimina
  5. Urca... io che la sto programmando avrei bisogno di incoraggiamento... denti stretti e passi lunghi, funziona davvero?

    :)

    RispondiElimina