giovedì 30 ottobre 2008

24 ore di pace

sto pensando al fatto che ho trascorso al mare meno di 24 ore, per l'esattezza meno di 20 ore. poi altre otto ore di macchina per andare e tornare. eppure come mi sono rilassata! da sola, senza nessuno che mi pressa, mi spinge, nessun per cui cucinare, nessuno da accontentare, da ascoltare come una radio che non si riesce mai a spegnere, nessuno che protesta per il caldo mentre ioi tremo di freddo, che ha da ridire su quanto sto connessa o su quanto leggo o su quanto dormo o su quali schifezze mangio, nella fattispecie pesce e insalata, bleah, per non parlare del piacere di guidare da me, alla velocità che voglio, all'andata e al ritorno, di fermarmi in autogrill, di leggere il giornale, di prendere il caffè al bar sottocasa, di girare per i negozi, di fare quattro chiacchiere inutili con la fornaia, di respirare l'aria del mare.

3 commenti:

  1. Santi momenti che ci vorrebbero più spesso, almeno una volta alla settimana

    RispondiElimina
  2. ma quanto hai ragione, ma quanto hai ragione, un'ora sola senza che nessuno ti chieda niente, che lusso!

    RispondiElimina
  3. si, proprio qualche ora senza che nessuno ti chieda niente, un lusso sfrenato :-)

    RispondiElimina