domenica 7 settembre 2008

cena di compleanno....

..... dall'amica quasi coetanea che chiude il primo mezzo secolo.


Ho pensato un sacco di cose, è stato emozionante e bello vederla circondata da tante persone, nella casa piccola ma elegante dove vive da sola dopo un travagliato divorzio.


Ho pensato a lei che ha lottato tanto per essere indipendente, per sentire finalmente di avere costruito qualcosa, un posto veramente suo. Sono stata contenta per lei.


e poi ho pensato a me, che una festa per i miei 50 anni non l'ho fatta, che se avessi voluto radunare degli amici non sarei riuscita a metterne insieme nemmeno la metà di quelli che ieri erano da lei, ma quella volta sono andata a cena col marito e i ragazzi, solo noi quattro, e quest'anno neppure questo perché sono a dieta, neppure la classica torta, magari una bella fetta di cocomero e una serata in casa. Però non vivo da sola. Nonostante tutti i nostri litigi, le difficoltà, la fatica di portare avanti la famiglia e i figli, i nostri lavori faticosi, dopo quasi trent'anni speriamo ancora di diventare vecchi insieme. Veramente stiamo già diventando perlomeno anzianotti  insieme, ma facciamo finta che la vecchiaia sia ancora solo una prospettiva lontana. Però insieme.


Questa cosa mi consola. Perché il mezzo secolo, si bello, bello, ma un po' di tristezza a me l'ha fatta. Erano meglio quando erano la metà....

7 commenti:

  1. Però adesso sai fare la torta con la K! E la torta porta felicità!


    Invecchiando si intristisce in modo diverso: il numero di ambiti aumenta, l'intensità diminuisce.

    E' che si fa più fatica a sperare, a cambiare in meglio, a trovare tempo per sognare,...

    Per una festa, però, sei sempre in tempo!

    RispondiElimina
  2. hai letto Un Altro Giro di Giostra di Terzani?


    se non l'hai letto alla prima occasione te lo regalo, è un inno alla vita di un condannato a morte prossima


    a me ha aiutato a riflettere, se non sulla morte, sul fatto che se hai vissuto puoi accettare un avvicinarsi della vecchiaia con una certa serenità :)


    mi fanno rabbia solo quei pezzi di vita buttati via, non vissuti in un certo senso ;)

    RispondiElimina
  3. tutto sommato è meglio avere una famiglia che mille amici

    RispondiElimina
  4. E' sempre emozionante e bello quello degli altri, ma alla fin fine, quando gli amici se ne vanno a lei cosa rimane?

    RispondiElimina
  5. @rlily: come sai della torta con la k?

    @prrof, naturalmente l'ho letto, e sono totalmente d'accordo con te, e ache con te shoruel; ziacris, non loso, le resta la sua casa, e penso che la gente cerchi di accontentarsi, ma dalle mie parti c'è un detto: hai buttato via le bottiglie e ora conservi gelosamente i tappi....

    RispondiElimina
  6. La torta con la K ce l'hai insegnata tu la settimana scorsa !!!

    Non ti ricordi?

    Abbiamo provato anche noi "cuoche" ed ai bimbi è piaciuta moltissimo.

    Mi hanno chiesto che torta era ed io ho risposto "Quella che mangiate tutti gli anni quando venite al compleanno di mio figlio".

    Mio figlio ha detto che era molto più buona del solito.

    Quindi, viva la torta con la K!

    RispondiElimina
  7. però basterebbero anche solo 10/15 anni in meno..i tappi servono per ritappare le bottiglie future

    RispondiElimina