giovedì 21 agosto 2008

ritorno di fuoco

Siamo a giovedì ed ho avuto finora giornate da 14 ore ciascuna. Difficile raccontare tutto, anzi impossibile:  un piccolo elenco: l'ambulatorio riserva sempre sorprese. Come al solito durante la mia assenza alcuni pazienti sono stati scontentati al punto che hanno dovuto cambiare medico. Queste cose mi danno sempre un grande dispiacere, ma nonostatne tutte le precauzioni e raccomandazioni, ogni anno o quasi succede. E questo sul versante medico di famiglia.


Sul versante figlia il pater ha due occhi rossi, anzi violetti, e sono in cerca di un oculista al lavoro in agosto che me lo veda. L'ideale sarebbe un giro in pronto soccorso, ma ci vuole una giornata libera ed io non ce l'ho!!!


Sul versante mamma sto organizzando il viaggio di uno dei figli dagli zii, ad un migliaio  e passa di chilometri di distanza.


Sul versante prof mi ritrovo con una classe in più a cui far recuperare un intero semestre: si prospetta un lavoro piuttosto grosso, che andrà fatto il meglio possibile. Sembra che l'onesta laboriosità con cui la mia collega ed io abbiamo condotto il lavoro sia stata universalmente apprezzata. Anche troppo. I complimenti mi danno fastidio e l'idea di essere sospinta in un ruolo di prima della classe mi mette a disagio anche di più. Ma tu che vuoi, mi direte! Nulla, fare il mio lavoro bene ed ottenere una modesta attestazione di stima.  Preferibilmente dai corsisti. I quali, tra parentesi, stanno lavorando egregiamente e ne vado piuttosto orgogliosa.


Scappo a cucinare.

Nessun commento:

Posta un commento