domenica 11 maggio 2008

BUGIE GASTRONOMICHE

E così in tanti anni mio padre ha sempre mentito. Mangiava le pietanze sarde di mia madre e diceva mmmh, ma avrebbe preferito un piatto di pastasciutta.


Oggi lo chiamo per chiedergli cosa vuole mangiare. Dico -


-mi sto preparando una minestra con lo joddu, il formaggio fresco e la menta. Ti va anche a te?


- Eh, si, va bene.


-Per mio figlio faccio una pasta col ragù. Cosa preferisci?


- Il ragù, mi piacerebbe proprio.


- E il tonno con cipolla e pomodorini? Oppure alla piastra col prezzemolo?


-Alla piastra col prezzemolo.


Capito? Pasta al ragù e tonno alla piastra. Mentre io mangerò la minestra rinfrescante della nonna. Una ricetta sarda probabilmente antica di secoli.Che se uno si va a leggere il famoso libro della Roden sulla cucina del medio oriente e del nord africa, trova due varianti della stessa minestra, una turca e l'altra armena, più elaborate, mentre la cucina sarda, more solito, nella povera semplicità di ogni piatto esalta il profumo degli ingredienti evitando eccessivi e pomposi arricchimenti. neinete cipolla, uova o besciamelle: solo il brodo, di carne, sgrassato, la semola grossa di grano, il formaggio fresco, il joddu (che è uguale allo yogurth greco) e la menta fresca tritata e cosparsa sul piatto.


Ma la mangio da sola. Per gli altri, ragù.


4 commenti:

  1. perchè tu sei un supereroe :-)

    RispondiElimina
  2. saludi e beni benia! torra candu bolis ca mi fait prexeri!


    a si biri

    RispondiElimina
  3. Capisco il babbo e il figliolo...piuttosto digiuno

    RispondiElimina
  4. è una minestra assolutamente deliziosa; davvero, il formaghgio fresco si scioglie e fila e lo yogurth greco si amalgama benissimo con l'insieme. la menta fresca fornisce un che di fresco che giustifica il nome del piatto. Inoltre secondo mia nonna era straordinaria per sistemare gli stomaci in disordine.

    RispondiElimina