mercoledì 19 marzo 2008

Dice Effe che Herzog chiude. S'è fatto prendere dalla vertigine dell'anno bisesto. A me dispiace, ma rimane il fatto che è la linea che definisce il disegno, è il limite che dà corpo alla materia, è il ricordo che sostanzia l'esistenza.


Baci a Effe e arrivederci

Nessun commento:

Posta un commento