lunedì 3 dicembre 2007

Ok, sto incazzata. Il mio paziente, quello col trousseau, avete presente?quello che la prima chemio l'hanno sospesa alla seconda somministrazione perché aveva le piastrine basse e poi si sono giustificati dicendo che era stata inefficace. Ora la seconda chemio pure l'hanno sospeda dopo la prima somministrazione e mezza, pure con la stessa scusa. Dice che ha le piastrine basse. 61 mila. Non sono così basse. Ma pure se lo fossero, visto che senza chemio va a morire in tre mesi, visto che ha 48 anni, visato che comunque quello coagula appena smetti di scoagularlo, falla sto cavolo di chemio, no?


e l'ho capito che ci sono centri dove fanno la chemio pure nelle ultime due settimane che stai al mondo, ma a parte che uno col cancro ti può morire anche all'improvviso, ma a parte che capisco che il troppo è troppo, però qui stiamo all'estremo opposto, che appena ti volti la primaria lo riprende di mira e dice: non buttiamo via soldi con sto qui, tanto è un cancro troppo brutto e morirà uguale.


Può essere che abbia ragione lei, può darsi, si, ma tanto la mia fiducia se l'è giocata più di un anno fa, così pure se avesse ragione io lo mando in consulenza in un altro ospedale, dove c'è un oncologo che giudica l'indicazione alla chemioterapia indipendentemente dal budget da raggiungere al 31 dicembre.


che io sono la solita andreottiana e penso male e faccio peccato ma probabilmente ci prendo, ma con questi chiari di luna, a me hanno regalato 499 euri per aver risparmiato sui farmaci antiacidi, che costano venti euro e rotti la confezione, a lei cosa potrebbero dare o promettere se risparmia su qualche ciclo di chemio che di euri ne costa delle migliaia a somministrazione?


Non lo dovrei postare questo post, lo so, è tutta rabbia la mia, cosa gli dico a questo poveruomo, gli dico fatti i tuoi conti che questo natale di sicuro è l'ultimo che puoi vedere?

8 commenti:

  1. Solo una brava!!!! Fortunati i tuoi pazienti ad avere un medico come tè

    Mariangela

    RispondiElimina
  2. al poveruomo puoi dire che in altri tempi queste qui le gambizzavano... ma hanno perso... e noi con loro.. :(


    si vede che sono un po' incazzato :/ sgrunt!

    RispondiElimina
  3. è brutto avere la conferma di un dubbio che arrovella da tempo

    RispondiElimina
  4. "a me hanno regalato 499 euri per aver risparmiato sui farmaci antiacidi, che costano venti euro e rotti la confezione, a lei cosa potrebbero dare o promettere se risparmia su qualche ciclo di chemio che di euri ne costa delle migliaia a somministrazione?"


    già, già..negli ospedali inglesi sembra che se non conviene non ti curano: negli usa devi le prestazioni al tipo di assicurazione di cui disponi.

    E, dove c'è l'Italia che si arrangia, l'industria farmaceutica, che arriva alle lobby, che arriva ai dirigenti regionali sanità..detta i listini anche della salute.

    Mi sembra che, ciascuno di noi, a saperlo sulla propria pelle, si arrabbierebbe un tantino. O no?

    RispondiElimina
  5. vedi, alp, se ascolti la proipaganda governativa dai telegiornali i cattivi sono sempre le industrie farmaceutiche e i medici; se ascolti me invece ti cominciano a venire dei dubbi; perché nessuno dice mai quanto si spende per consulenze? perché nessuno dice mai quanfùto costano gli esperti in gestione aziendale, gli amministrativi, i consigli di amministrazione, i direttori sanitari, i direttori di distretto, i manager, i vice manager, i sottomanager, quanti soldi si spendono per organizzare convegni, quanto costano gli affitti delle sale d'albergo dove i manager si riuniscono, quante riunioni di consigli veri si fanno, quante commissioni e sottocommisioni, quale gettone prendono ognuno di costori, e poi non si fa il conto di quante chemioterapie si farebbero con ognuna di codeste riunioni volte tutte alla gestione del risparmio sulla spesa farmaceutica?

    Perchè nessuno ti spiega come mai il dottor T., qui a Borgo, riesce a farti gli esami del sangue, qualunque esame del sangue, senza bisogno di prenotare, con risultato in 48 ore, al prezzo equivalente al solo ticket che comunque pagheresti facendoli presso l'ASL, e a guadagnarci lui e a pagare gli stipendi di impiegati, analisti eccetera? Come mai una risonanza, qualunque segmento, prenotabile ed eseguibile in 48 ore, refertata in giornata (da un ex primario di radiologia, mica da un incompetente), te la fanno per cento euro ( a fronte dei 40 che paghi di ticket all'ASL con tempi di attesa da due a tre mesi) e con quei cento euro ci pagano la macchina più moderna in commercio, il tecnico, i locali, il primario radiologo che fa il referto, e pure le spese di cancelleria e le tasse? E ci guadagnano.

    Allora?

    Non credi che ci sia qualcosa che tocca, ma non sul versante delle aziende farmaceutiche o dei medici incompetenti, ma su quello dell'organizzazione?

    Ecco, qui qualcosa tocca.

    RispondiElimina
  6. io comunque al poveruomo gli ho preso appuntamento col consulente che ha detto, testuali parole: "si, è certametne un paziente difficile da trattare, ma qualcuno deve avere il coraggio di curare anche quelli difficili" e poi ha agginto "non so se ci sono spazi per un trattamento, però lo vedo e ne parliamo"

    RispondiElimina
  7. quindi si aggiunge anche la semplice vigliaccheria della semplice singola persona :(

    RispondiElimina