mercoledì 3 ottobre 2007

ORA, DICIAMOLO...


....se io non sono neppure lontanamente un medico massimalista, se ho una percentuale di pazienti veramente ammalati così alta, probabilmente un motivo c'è. Ho proprio un carattere di m.

4 commenti:

  1. stai scrivendo molto in questo periodo.

    mi domando se anche il mio medico di base tenga un blog.

    lui, che qualsiasi cosa gli dica, mi guarda e dice: ah...

    RispondiElimina
  2. Non hai un carattere di m**** come pensi, sei solamente una persona che fa il suo lavoro con coscienza, come dovremmo fare tutti

    RispondiElimina
  3. mi sfugge il nesso tra il carattere, il numero di pazienti, e la percentuale di pazienti veramente malati?!?!


    a cosa serve il medico di famiglia:


    1) se sei ipocondriaco e nullafacente a riempire la tue giornate;


    2) se sei sano è un burocrate certificatore, assenze dal lavoro, qualche esame di routine secondo l'età, certificati vari patenti, scolastici, sportivi ecc;


    3) se sei veramente malato sono c***i tuoi e del tuo medico curante


    tu non curi la tua clientela!!! non in senso medico, non corteggi abbastanza le categorie 1 e 2,

    alla 1 basta prescrivere qualunque medicina che costi poco e non faccia niente,

    alla 2 non lesinare certificati di favore....

    in questo modo la categoria 3 cala percentualmente e se va proprio male mandane qualcuno da un'altra parte ;)


    baci


    ps non è che se ti scelgo come medico scivolo dalla categoria 2 a quella 3???? perchè sai c'è anche il fattore sf**a... lo so, non è molto scientifico ma ridiamoci sopra :)

    RispondiElimina
  4. Oh, prrof, analisi perfetta! Vediamo: la categoria 1 in realtà ha necessità di attenzione e di cure, anche molte. Se lavori bene finisce col passare nella categoria 2.

    La categoria 2 si rompe di fare lunghe code in sala d'attesa mentre il medico rompico***** fa visite minuziose a qualcun altro, quindi o ha dei parenti veramente ammalati necessitosi delle visite minuziose di cui sopra, oppure cambia medico.

    La categoria 3 se non venisse da te sarebbe nella m* fino al collo, e lo sa, quindi sopporta le code in sala d'attesa in cambio della visita minuziosa e dell'attenzione paranoica che riceve una volta conquistata la poltrona davanti al medico.

    Ok,ma aggiungi che il medico ha un bruttissimo carattere, ti guarda storto quando chiedi un certificato di favore, ti cazzia se protesti in sala d'attesa, e se simuli una patologia anzichè presupporre che sei un bugiardo parte dal principio di crederti sempre, ti piglia sul serio e ti massacra fino a che non capisce cos'hai. E quando salta fuori che non hai neppure un disturbo fobico su base ipocondriaca, magari te ne dice quattro.

    Allora, non ci crederai, la categoria 2 si sfoltisce. In modo selettivo, però. E quasto è uno dei fattori che mi portano ad avere una clientela magnifica, fatta di persone splendide. Tanto per darvi un'idea tutti i miei pazienti hanno il mio cellulare, e io lo tengo acceso sempre, notti e domeniche comprese, e voi non ci crederete ma la gente mi chiama solo se ha davvero bisogno. I miei colleghi debbono difendere la loro privacy con le unghie e con i denti, io invece no. e loro si nascondono, mentre io mi vado a fare la spesa, incontro i miei assistiti dovunque, ci salutiamo, se hanno bisogno mi dicono, e risolvo un sacco di cose risparmiando tempo e fatica, per me e per loro. Però in dieci anni mi hanno revocato quasi ottocento persone. Se ne fossero rimasti solo la metà sarei massimalista.

    Ecco. Non ho il carattere giusto. E spendo pure troppo.

    RispondiElimina