sabato 13 ottobre 2007

MANDATI E MANDANTI


ok, la notizia è questa: il collega indagato prima di me si è rifiutato di fornire spiegazioni. Ha detto solo che lui ha prescritto in scienza e coscienza e nel rispetto delle normative. E la capa dei controllori della prescrizione ha risposto: va bene, prendiamo atto, vorrà dire che troveremo un altro modo per fare gli accertamenti che ci è stato demandato di fare.


Ora, mio marito sostiene che è stato uno sciocco.


Si può discutere sul metodo, sui mandati nascosti, ma non si può discutere sul mandato palese. Mi spiego: il mandato palese è " in base alla legge dobbiamo fare dei controlli, quindi vi chiediamo gentilmente  queste spiegazioni in nome della collaborazione tra medico e AUSL".


I mandati nascosti sono: "abbiamo avuto incarico anche di farvi capire, mentre si fa quella cosa che s'è detto, che la dovete piantare di sentirvi padroni del vostro lavoro e delle vostre decisioni, di farvi capire che vi inchioderemo a una qualche responsabiità che ci permetterà di farvi il c* se non vi decidete a fare posto alle direttive aziendali mettendole prima di ogni altra cosa, o almeno alla pari con l'interesse del paziente, invece che in fondo alla lista come fate ora; abbiamo avuto mandato di farvi capire che possiamo dimostrare che siete degli ignoranti, dei faciloni, negligenti, imprudenti e imperiti, e che quindi abbiamo noi il coltello dalla parte del manico poichè abbiamo in mano i dati sul vostro lavoro e possiamo, se vogliamo, incollarli insieme in modo da mettervi alla gogna, abbiamo avuto incarico di ottenere la vostra sottomissione con le cattive, visto che non avete voluto offrircela con le buone"


Ora, il collega ha rifiutato il mandato palese, pensando così di rifiutare i mandati nascosti, ma temo abbia fatto il loro gioco. Gli ha lasciato in mano la loro arma, il mandato palese, di cui possono servirsi ancora per attuare i mandati nascosti. Di cui non so neppure se tutti loro sono consapevoli. Sapete, la gente spesso è stupida, anche quelli molto intelligenti riescono ad esserlo, si lasciano pigliare per il naso, abbindolare, e finiscono col fare, in buona fede, il lavoro sporco per qualche consulente bocconiano di "gestione delle risorse umane".


Io intendo invece accettare il mandato palese, e metterli in buca sui mandati nascosti, solo che è più difficile. Potrei semplicemente dirlo in faccia, ma come dimosrarlo?


Potrei, come sto facendo, cercare di inserire questa squallida vicenda in una trattativa sindacale, potrei mettere in evidenza la loro malafede, ma come?


Come farli scoprire?


Il prrof ha ragione: è una lunga guerra. Su tutti i fronti. E non ci sono retrovie, qualunque illusione possiate farvi.

5 commenti:

  1. Concordo sull'analisi.... sulla strategia di lotta non so cosa è meglio....


    Il tuo collega li ha mandati gentilbente a fare in biiip.. e forse prima che riescano ad aggirare l'ostacolo fa tempo ad andare in pensione.


    Tu fai una cosa seria, corretta... che però ti costa un gran c* e un gran lavoro gratuito ed in un qualche modo rischi di fornirgli le armi per inchiodarti.


    Io penso che se la cosa prende la piega di evidenziare la loro malafede il tutto cadrà in un polverone nebuloso dove tu non riuscirai a fare luce.... perchè intanto devi vivere, lavorare, recuperare il tempo perso.... loro no, non hanno altro da fare, tutto ciò lo fanno in tempo pagato da noi, lascieranno cadere questa e punteranno un'altra strada, sempre a spese della collettività.


    Gli yuppy sono arrivati al potere, un potere da sergenti, forti coi deboli e deboli coi forti, e sempre attenti solo alle loro tasche.... il guaio è che qualcuno è diventato anche generale e governa l'armata con strategie e tattiche da sergente di ultima specie.

    RispondiElimina
  2. c'è un altro rischio.... la tua eccellenza può essere usata come arma contro gli altri (ricordi i secchioni a scuola?)

    non parlo dei disonesti, incompetenti, lavativi, criminali, doppio e triplolavoristi... parlo dei normali meno competenti, meno esperti, meno preparati..... intendo che ci sono sempre (pochi) più bravi di noi, (molti) meno bravi di noi, lor signori cercano di metterci in difficoltà autoconvincendoci della normalità dell'eccellenza, metterci in un'esagerata competizione l'un contro l'altro... via la solidarietà e vai di competizione...

    stiamo accettando questo gioco, un gioco al massacro.


    le parentesi sono ironiche ma non troppo ;)

    RispondiElimina
  3. si prrof, è proprio di questo che staimo discutendo coi sindacalisti. Bravi ma non troppo, brava ma non da mettere in cattiva luce gli altri. Ne abbiamo parlato parecchio, poi tu non lo sai ma ci sono due sindacati tra i medici di fmiglia, non sono proprio politicizzati, non si può dire che siano uno di sinsitra e uno di destra, aspetta questo discorso merita la pagina principale. Baci

    RispondiElimina
  4. il mio medico della mutua

    mi fa le flebo di ferro che sto malissimo da lunedì

    e non ne ha nessuna voglia,

    nè nessuno lo costringe,

    ma lui mi vede in faccia e sa che vita faccio

    e allra cerca di aiutarmi....

    questa è etica professionmale?

    RispondiElimina
  5. blanche, cara, forse è etica e forse è amore. un po' d'amore anche dalla vecchia signora Capsicum. Baci

    RispondiElimina