domenica 28 ottobre 2007

IL CAPITALE RELAZIONALE

 I links, tanto per capirci.

Uno dei costituenti fondamentali della comunicazione nella Rete.

Uno dei capitali della Rete, insieme al capitale umano, a quello organizzativo, a quello digitale e a quello informazionale.

Se ci pensate è esattamente così. Quando girate fra la rete, surfando come dicono i francesi, passate di blog in blog seguendo proprio i links, e ogni blog gravita in un’area di linkaggi che gli è propria. Si tratta di sottogruppi relazionalì. La rete non inventa nulla, le leggi che regolano l’interazione tra le persone sono sempre le stesse, la rete annulla solo i limiti di spazio e tempo e, se dobbiamo essere sinceri, opera anche una selezione: alla rete accedono prevalentemente persone intelligenti, capaci, almeno minimamente acculturate, che hanno quindi, generalmente, già una lingua in comune.

In coda a questa linea di pensieri mi sono messa a risistemare i links di questo blog, fermi da oltre due anni perché questo blog, come tutti sanno, ama l’ozio.

6 commenti:

  1. grazie del link, ricambiato (i link anche come mappatura del genoma/blogger)(ma io ho sempre pensato a "persone" che scrivono..e anche per questo,l'aver abbandonato il mio nick Alp in favore di mio nomecognome.

    Bonne dimanche.

    RispondiElimina
  2. Mi piace come hai descritto le interazioni della rete soprattutto questo:


    La rete non inventa nulla, le leggi che regolano l’interazione tra le persone sono sempre le stesse, la rete annulla solo i limiti di spazio e tempo


    Molto acuto

    Io sono una (blogger) timida

    e lusingatissima

    squa

    RispondiElimina
  3. ihihih... i link a Lia e al sito del Mensa resteranno sbiellati ancora per molto?

    ...Perdonami: non ho resistito :-D

    Ora vado a surfare su quel che sembra nuovo :)


    gattostanco (non loggato)

    RispondiElimina
  4. mannaggia, gattaccio, se non me lo dicevi non me ne sarei mai accorta! dalla pagina dei links di splinder apparivano a posto....

    RispondiElimina
  5. mi piace l'elogio all'ozio :)

    io però non mi sento nè particolarmente intelligente nè acculturato quando smanetto in rete.... mi sa che preferisco le relaziononi di prossimità ;)

    RispondiElimina
  6. perchè non hai la percezione del livello di analfabetismo nella nostra città. non parliamo del semianalfabetismo. io si. tu pensi che io dica acculturati e pensi a uno che ha letto manzoni, invece io penso ad uno che legge spedito senza sillabare e neppure muovere le labbra. e che non ci mette una settimana a leggere tv sorrisi e canzoni. e magari legge pure un libro l'anno. io sono una che si accontenta, io.

    RispondiElimina