domenica 16 settembre 2007

Per prima cosa un immenso grazie a tutti. Non immaginate quanto mi sia di aiuto leggere i vostri commenti. Il sindacato ancora non mi ha detto nulla. Nel frattempo ho cominciato a preparare le relazioni. Per ora sono straordinariamente semplici. Grazie anche al mio modo pignolo e puntiglioso di lavorare, mi ritrovo con registrazioni accurate di ogni prescrizione con correlato il relativo problema medico.


In due giorni di lavoro sono già emerse due cose, oltre alla questione del consenso, che come previsto sis ta risolvendo in un appoggio veramente consolante da parte di tutti i pazienti finora contattati.


La prima è l'opportunità di corredare le relazioni  con un pochino di letteratura che documenti che non mi sto comportando da pazza. Credo che sfrutterò senza scrupoli i rapporti civili ed amichevoli che esistono con gli informatori del farmaco per chiedere a ognuno di loro materiale scientifico aggiornato e pertinente. Se dovessi farmi io le ricerche dovrei smettere del tutto di lavorare per il prossimo mese.


La seconda cosa riguarda i pazienti deceduti (due), quelli che si sono trasferiti (almeno uno) e quelli che mi hano revocata per un disaccordo proprio sulle loro terapie (altri due), e gli extracomunitari che per ora risultano revocati (forse assegnati ad altroi medico?) e sono diversi anche quelli. Come fare?


Trenta giorni passano in fretta. Questo mi preoccupa, ma anche mi consola.


Baci. Capsicum



P.S. no che non mollo, no. Se non altro per non deludere voi. Baci

8 commenti:

  1. Brava.

    E ricorda,

    ci chiamiamo PAZIENTI

    perchè ti aspettiamo fiduciosi......

    RispondiElimina
  2. Bene, ho visto solo ora che c'era anche questo post, ho commentato il precedente. Comunque probabilmente ai burocrati interessarà solamente che venga loro presentato un pacchetto ben confezionato... non permettere loro di farti dubitare di te.

    RispondiElimina
  3. Ecco...finalmente è uscita la vera persona che conosciamo...in gamba e sappi che siamo tutti con te

    RispondiElimina
  4. ma.... tutto ciò quanto ci costa????


    quanti sono e quanto prendono tutti questi della comissione? quanto lavoro ti fanno fare per avere una pezza d'appoggio che serve solo a loro per pararsi il culo?... perchè comunque lo sanno già che non hai intascato o fregato qualcuno, ma per chiudere vogliono carte su carte.


    e a noi quante ore-medico (di un buon medico) ci sottrae tutta questa burocrazia??

    RispondiElimina
  5. forza;-)

    che sei grande.


    ndr

    RispondiElimina
  6. ma

    boia chi molla

    l'ha già inventato qualcuno?

    ciao

    remo

    RispondiElimina
  7. LaPiccolaFiammiferaia19 settembre 2007 04:51

    Gli extracomunitari fanno la scelta del medico a termine, secondo la scadenza del permesso di soggiorno. Facile quindi che quelli che ti hanno scelta abbiano terminato il periodo, così come i domiciliati per motivi di lavoro, studio o salute che provengono da fuori regione ed hanno diritto all'assistenza per un anno prorogabile.

    RispondiElimina
  8. si, fiammiferaia, è vero,ma non sdi sa perchè, quando rinnovano la scelta al Cup gli caMBIANO MEDICO così ogni volta il medico deve ricominciare da capo; ma alcuni dei miei sono proprio irreperibili anche al vecchio indirizzo e al vecchio numero di telefono. Accade che si spostino, cambino città, quartiere, telefonino. che buttino via i vecchi referti, che li portino al Paese e li lascino lì... tutto sempre più difficile, siore e siori, opsservate prego!

    RispondiElimina