lunedì 27 agosto 2007

 


Mi hanno chiesto cosa scrivo in questo blog, e la persona che l'ha fatto voleva in realtà dire: non è che rischio che la mia vita venga messa in piazza nel suo blog?


La risposta è: la MIA vita viene messa in piazza nel mio blog, semmai. Chi crede di riconoscersi in queste pagine sappia che è solo perchè le sue esperienze sono più comuni di quanto crede, ed abbia la mia solidarietà e comprensione. Non solo non faccio nomi, ma cerco pure di fare in modo che nelle cose che racconto non sia riconoscibile nessuna persona reale. Certo che le cose che scrivo non me le invento, nel senso che a qualcuno sono successe, magari non tutte insieme, magari non proprio così, magari parlo di un uomo e invece era una donna, magari ne parlo oggi ed è successo venti anni fa, e magari si tratta di una storia che ne ricomprende tre o quattro simili. Eccezion fatta per coloro che mi autorizzano esplicitamente a raccontare la loro storia, come Marika, ad esempio, se qualcuno se la ricorda.


Questa cosa non l'avevo mai detta esplicitamente, mi sembrava giusto farlo. Non invento niente, ma neppure metto in piazza nessuno, tranne me.


Un caro abbraccio. Capsicum

Nessun commento:

Posta un commento