giovedì 21 giugno 2007

SE QUALCUNO SI CHIEDE PERCHE' SCRIVO POCO


 


Ecco qui: ho ancora libri sparsi per terra e sui divani.


Il figlio della centenaria sta peggiorando, ha un linfedema ad entrambe le gambe da stasi nei linfonodi che sono pieni di recidiva di cancro, questo vuol dire che ha le gambe, i piedi, le cosce e le natiche e quasi fino alla vita piene d'acqua a livello tale da renderle enormi, molli, come cera tenera, se le tocchi ci rimane un buco profondo due centimetri. Non ha dolore. però è giallo. questo mi dice male sulle condizioni del suo fegato. Naturalmente  mi impegna.


La moglie dell'ex combattente si è rotta tre vertebre sollevando il marito dal letto e cambiandogli il pannolone. Adesso siamo piuttosto in emergenza, l'ex combattente è ricoverato e lei praticamente allettata, con un dolore preoccupante. Le ho messo more solito una terapia efficae per il dolore, l'ortopedico ha spalancato gli occhi quando l'ha vista, non per la disapprovazione, dato che ha confermato l'indicazione, e allora perchè? di questi tempi curare il dolore pare sia una cosa inusuale, tanto da destare meraviglia. Non impreco perchè sono una signora, stasera.


L'insegnante con mamma cattiva sta malissimo e io non trovo un buco da ricoverarla. Telefono, telefono e o mi si fanno negare, o sono in ferie, oppure mi fanno richiamare dall'infermiera per dirmi di no.  Vedi sopra.


Abbiamo una ondata di calore, da queste parti, non so da voi, e questo significa casini casini casini. Dare da bere aglio assetati è facile, dare da bere ai vecchi che non sentono più la sete, lì vi voglio!


Sul versante domestico la signora Karima mi ha piantato in asso senza preavviso perchè si sposa la sorella, niente da dire, però ha chiarito in modo inequivocabile che mentre le sue esigenze sono importanti, delle mie non gliene può fregar di meno, che mi fotta. Io sono nella cacca più totale, tanto arrabbiata che penso che cercherò qualcuno che la sostituisca.


Il figlio sta affrontando un esame piuttosto duro, io vorrei essergli d'aiuto, però in primis lui non ha voglia d'essere aiutato, in secundis non sono mai a casa e quindi... peggio che andar di notte.


per fortuna il marito tiene botta, che altrimenti.


ed entro la settimana prossima debbo aver finito il lavoro di cui al post precedente.


Ecco perché. Baci. Capsicum

5 commenti:

  1. a volte penso che gli unici che riescono a scrivere con una certa benedetta regolarità siano gli scrittori. e non a caso. è professione. gli altri umani, miseri loro, si devono accontentare di quello che resta: avanzi e sprazzi che non diventeranno mai un testo compiuto e definito.

    RispondiElimina
  2. Se hai bisogno di qualche ispirazione da una che di condivisione sul web ne sa qualcosa attingi pure, chiedi, scrivi.... ;-)) E dove la devi presentare questa relazione?

    RispondiElimina
  3. ò giorgi: società italiana di cure palliative. se l'accettano, beninteso. ti disturberò. baci capsicum

    RispondiElimina
  4. ti capisco x la signora Karima,

    coraggio!

    aria

    RispondiElimina
  5. ho risposto al tuo msg senza aver letto qui, scusa!

    RispondiElimina