giovedì 1 febbraio 2007

Ok, nelle prossime due settimane mi occuperò di un corso di formazione sulla compilazione dei certificati di morte. E' andata così. Riunione. Allora questo chi lo fa? I miei colleghi si sono voltati tutti a guardarmi, e il coordinatore mi ha apostrofato: credo che questo argomento sia proprio di tuo interesse.


Mi debbo preoccupare?

6 commenti:

  1. Ciao, ho leggiucchiato il tuo blog e si capisce proprio che sei dottoressa e mi è vnuta voglia di fare una domanda che mi preme..ma che ho paura a porre al mio di medico, forse perchè uomo,ecco io vorrei sapere se farsi chiudere le tube è legale in italia.

    RispondiElimina
  2. non era legale, non so se negli ultimi anni è cambiato qualcosa.


    non trovi dalle tue parti un cosultorio, una casa delle donne, insomma qualcuna con cui puoi affrontare tutto il problema??

    RispondiElimina
  3. in molte strutture pubbliche, anche della mia città, le situazioni vengono valutate caso per caso. Generalmente la richiesta della donna viene accolta se lei ha già più di due figli e non intende averne altri, oppure se è portatrice di una malattia geneticamente determinata. Una volta la legatura delle tube non era reversibile perchè era accompagnata dal taglio delle tube stesse e dalla eliminazione di un pezzettino, in modo che non potessero ricanalizzarsi. Ma da molti anni ormai si procede diversamente. In laparoscopia si mettono due mollette, una ad ogni tuba. Si controlla in isteroscopia che le tube siano ben chiuse. Poi si aspettano sei mesi, continuando a fare della contraccezione, per esempio con la pillola, e si ricontrollano le tube con l'isteroscopia. In genere a questo punto la chiusura è sicura, ma non è irreversibile. Se la donna cambia idea si possono levare le mollette e ricanalizzare le tube. o, nella peggiore delle ipotesi, fare una fecondazione assistita. Quindi la cosa diventa legale, perchè non hai irrevesibilmente cagionato la serilità della donna. Non si procede mai nel caso di donne giovani o con meno di due figli. Comunque non c'è una legge che regolamenti la cosa e non so come si comportino i ginecologi in altre città.

    RispondiElimina
  4. dimenticavo. altra indicazione alla chiusura delle tube è la presenza di una malattia della donna che renda estremamente pericolosa la gravidanza.

    RispondiElimina
  5. Grazie per la risposta sei stata molto gentile e molto professionale!

    ciao

    RispondiElimina