mercoledì 4 ottobre 2006

ADDIO, MIA POVERA CARA


Orbene, la dottoressa Capsicum ha ucciso la sua vecchia macchinetta. Le cose sono andate così , come documenta una telecamera che ha ripreso tutto. La dottoressa rincoglionita girava sui viali di circonvallazione interna di Bologna; una macchina dei carabinieri usciva a marcia indietro dalla caserma per facilitare l'uscita di una jeep. La dottoressa era a trenta metri di distanza, ma ciononostante non è stata capace di frenare in tempo e gli ha dato nel posteriore alla Tempra.


Poi taccio dell'indecoroso comportamento dei baldi tutori dell'ordine, anzi perché tacere? Non taccio. Prima hanno cercato di intimidirla, esortandola a firmare una constatazione in cui si assumeva tutta la responsabilità, e aggiungendo altrimenti dobbiamo chiamare i carabinieri per fare gli accertamenti, ma, sa, i carabinieri poi siamo noi, spergiurando che loro non uscivano a marcia indietro, ma entravano, invece, minacciando prima di incastrarla con la telecamera, poi, alla sua reazione entusiastica (molto bene, allora siamo a posto, basta rivedere il filmato!) qualcuno è andato a controllare ed è tornato affermando che no, purtroppo la telecamera era guasta. Poi l'hanno lasciata lì come una scema e se ne sono andati, già bardati con collari opportunamente tenuti di scorta in caserma, per far certificare al pronto soccorso d'essere stati ignobilmente feriti in servizio, infine il simpatico collega che faceva i rilievi si rifiutava di fornirle i dati del conducente e del trasportato invitandola a procurarsi una copia del verbale presso il 112; cercava di non scrivere nel verbale della presenza della telecamera con la ridicola scusa che "Questo è lo spazio per la dinamica dell'incidente e questo che lei mi dice non c'entra con la dinamica". E per giunta prendeva le misure dellla posizione della macchina dei carabinieri nonostante fosse stata spostata di quasi due metri dal punto dell'impatto come evidente dai vetri rotti per terra. 


Ora la dottoressa invornita se lo merita di aver scassato la sua macchina perchè se avesse avuto il piedino più veloce sul freno non li avrebbe imbussati, o comunque li avrebbe imbussati piano e la macchinina ora sarebbe ancora marciante e non defunta.


Però, se la dottoressa non fosse una così simpatica ragazza con tanti conoscenti desiderosi di soccorrerla e se uno di questi non fosse amico di un pezzo grosso e se detto pezzo grosso non avesse visionato il filmato (che c'era, e c'è),  forse qualcuno avrebbe potuto affermare che la dottoressa Capsicum è una impudica mentitrice capace di inventarsi dei carabinieri a marcia indietro anzichè all'avanti per non pigliarsi la colpa di un busso.


Ché la dottoressa  ci tiene più alla sua reputazione di sfacciata e impudente ma sincera piuttosto che ai millecinquecento euro che vale (valeva) la sua povera decrepita utilitaria.

9 commenti:

  1. Mah, a marcia indietro o avanti pare che i caruba abbiano torto comunque.


    Però siamo in Italia, e se non hai un amico pezzo grosso hai difficoltà a farti riconoscere i tuoi diritti.


    La cosa migliore è avere un'amica che sia l'amante di un pezzo grosso.

    RispondiElimina
  2. capsicum,

    io e te ci siamo conosciuti sul tuo blog per una polemica sulla "legalità" di questa città......... immagina come si sente e che senso civico matura chi di queste cose ed anche peggio ne subisce tutti i giorni...... e poi vedrai che, nonostante i tuoi pezzi grossi, chi ha fatto il (grave) reato, (falso, intimidazione, minacce ecc,) non ne dovrà rispondere come da legge. questa è la vera mancanza di legalità di questa città (e di questo paese).


    il mio lato buono ti esprime solidarietà e bonariamente ti invita a stare attenta quando guidi, il mio lato cattivo ti dice che ti sta bene e mi dispiace che conosci pezzi grossi.


    legalmente ;)

    prof

    RispondiElimina
  3. già, la legalità. Mica erano bolognesi i due baldi tutori dell'ordine.... e poi queste cose fanno indignare me quanto te, ma soprattutto perchè conosco parecchi carabinieri onesti e ligi e questi due, che poi appartengono ad una brigata particolare da quanto ho capito, mi sembra che disonorino l'arma.

    Conosco migliaia di persone ed ho fatto tanti di quei favori a tanta di quella gente, e poi bologna è piccola, ma la prima cosa che ho pensato è stata: e se invece della str***a dottoressa Capsicum ci fosse stata un'altra persona, magari anziana? Per questo sono andata a sfruculiare tanto, perchè della macchina o del torto e della ragione non me ne importa. sono in classe A1, passo in A2 per un paio d'anni e non mi cambia neppure la tariffa. Ti aggiungo che ho saputo che la caserma in questione era già nel mirino dei superiori per una abnorme incidenza di colpi di frusta con relative assenze protratte dal servizio, invalidità per cause di servizio ed altro. In pratica ho sfondato una porta aperta. Li aspettavano al varco. Ci mancava solo una signora Peperoncina per dare fuoco alle polveri

    RispondiElimina
  4. cara Capsicum, staremo a vedere, ma mi sa che non ci siamo......

    primo mi stai diventando un po' leghista.......

    poi ti devo dire quello che dissi ad una mia cara amica anch'essa medico (psichiatra sul territorio): "soprattutto perchè conosco parecchi .......... mi sembra che disonorino l'arma"..... si si sono onesti e ligi quando li incontri tu nel tuo ruolo.... succede anche a me, ne ho incontrati tanti istruiti e brave persone..... quando sono io, con il mio potere, nel mio ruolo.... ma se non mi percepiscono così....eh...le cose cambiano.... e fatto il disastro bisogna coprirlo.

    la teoria delle poche mele marce in settori e corpi che prima di tutto tutelano se stessi e ... chi parla è un'infame..... beh... mi lascia un po' perplesso.... ohps!!! dimenticavo che sei un medico..... ed anche voi non scherzate ;)

    se poi mi sbaglio e mi verrai a dire che qualcuno di lor signori ha dovuto rispondere della malefatta che ti ha fatto.... ti offo una cena al Diana o dove tu vuoi ;)

    però dato che l'argomento irrita molto e tira fuori la mia stronzaggine fatti questo collegamento (se ci riesco visto che sono bloggalmente imbranato)

    http://federicoaldrovandi.blog.kataweb.it/federico_aldrovandi/2006/02/21_febbraio_cos.html#comment-14240495


    baci con tanto affetto

    prof

    RispondiElimina
  5. non riesco a lasciarle un commento privato ma dovrei parlarle.potrebbe contattarmi al mio indirizzo di posta elettronica:pozzof@libero.it?non riguarda la macchina.grazie

    RispondiElimina
  6. ho visto che non sono riuscito a fare il collegamento, il mio commento è qui

    Scritto da: Valerio | 22/02/06 a 11:21

    però scusami, dimenticavo, come stai??? ti sei fatta male??? non dici niente di te.

    prof


    RispondiElimina
  7. PlacidaSignora4 ottobre 2006 21:59

    Mi unisco alla domanda di Prof.

    Come stai, tu?

    RispondiElimina
  8. sto benissimo. In realtà è stato un urto modesto, era la macchina ad essere vecchia. Grazie. Baci

    RispondiElimina