sabato 10 giugno 2006

LE RADICI DELL'OZIO


Da sempre la gente mi chiede dove trovi il tempo di fare  tante cose. Fai ilo medico, dicono, il marito, i figli da portare in giro, e poi i convegni, i corsi, e poi leggi tanti libri e scrivi, pure. E cucini, anche. E ste marmellate? E poi?


Così. La gente mi vede così. Una iperattiva, una affaccendata.


E invece sono una che ozia.


Leggo invece di lavare i piatti o di rifare i letti.


Porto in giro i figli invece che fare le pulizie.


Sto al pc per delle ore, anche solo per giocare a spider.


Scrivo, pure. E cucino ogni giorno, ma non lo fanno forse tutte le mamme?


E quando lavoro, per la maggior parte del tempo mi sento in vacanza. I convegni? uno svago, un lusso. Le riunioni? una goduria di chiacchiere e rimpatriate.


Sto alle radici dell'ozio, pigra e indolente, ma senza accidia: con gusto. E spesso con un fondo di senso di colpa per tanto oziare.

4 commenti:

  1. sìsì, questo va bene. ma ieri?

    la presentazione, si vuole sapere. e che c'era anche? discussione sui blog, mi pare. e insomma, allora, questa presentazione?

    RispondiElimina
  2. Sto alle radici dell'ozio, pigra e indolente, ma senza accidia: con gusto. E spesso con un fondo di senso di colpa per tanto oziare.


    si.. si.. ma la spesa chi la fa? le mutande chi le lava? ed il cucinare di tutti i giorni (non quello di quando si è particolarmente creativi)? vabbè forse i figli si badano già da soli, ma le più o meno piccole riparazioni in casa? benzina e olio nella macchina? burocrazia varia?

    non è che hai uno staff di assistenti a cominciare dalla donna di servizio???


    provocazione ed invidia da parte di uno che lavora part-time (e di un lavoro che comunemente è già considerato non fare nulla) e per oziare un po' non trova neanche il tempo per badarsi.......

    ma questa è forse solo un po' di depressione.....


    un'invidioso ciao, ma..... il senso di colpa nnnnooooooo.... buttalo via, non ti merita (e forse non te lo meriti)


    prof

    RispondiElimina
  3. prof, nell'ordine 1- io, ma quello è un divertimento, 2- la lavatrice; 3- divertimento anche; 4- come sopra; 5- benzina e olio, ti par eun impegno gravoso? 6- domiciliazione di tutto iol domiciliabile, il resto è davvero una rottura, ma bisogna farlo. Infine: ho la karima che mi aiuta per un totale di otto-nove ore la settimana e una famiglia di eprsoncine che, ad ogni età, si rendono utili. Nella sostanza il mio concetto di ozio e il tuo sono profondamente diversi, credo. Baci

    RispondiElimina
  4. no.. no.. quell' OZIO lì che dici tu credo che sia lo stesso e lo condivido........


    c'è un altro "ozio" che è legato alla mancanza di gioia di fare le cose ed alla mancanza di forze di metterci dell'entusiasmo.........


    ma questo è un altro gioco

    baci prof


    p.s. spero di riuscire a beccare il tuo libro la prossima settimana

    RispondiElimina