sabato 2 aprile 2005

UN CREDO LAICO


Anche stavolta faccio il presidente di seggio. Un po' per abitudine, un po' perchè sono una despota e non mi lascio scappare occasione per fare il capetto, e molto perché ci credo. In quella roba di tutti i giorni, tanto scontata da sembrare da nulla, che è la democrazia. Credo nel diritto di ognuno di esprimere la propria volontà politica, credo nel dovere di ognuno di decidere chi ci dovrà governare e come. Nel rispetto di questa volontà anche quando è diversa dalla mia.


Un credo molto laico, è vero. Capisco che non è più condiviso quando mi ritrovo a insediare un seggio e non ci sono gli scrutatori. Quando me li devo litigare, quei volontari che si presentano "per vedere se manca qualcuno", con gli altri presidenti di seggio, pure senza scrutatori, quando vedo alcuni presidenti che "se li portano da casa" sotto forma di amici o parenti, va bene chiunque purché elettore nel comune.


Qualcuno mi ha detto: "perchè pagano poco". Ok, sono 120 euro (duecentoquarantamila lire del vecchio conio, sec. Bonolis) per due giorni e mezzo di lavoro, e sono due giorni e mezzo molto pieni. Molto bene. In un mese ci sono circa ventidue-ventitrè giorni di lavoro, cioè dieci volte tanto. E uno stipendio medio è tra i novecento ed i mille euro. La proporzione ci sta, tenuto conto anche delle tasse.


E' vero che gli italiani preferirebbero un aumento di ferie ad un aumento di stipendio, ma coi tempi che corrono, tutti piangono miseria, e quei centoventi euro non fanno gola!


E nel mio credo democratico non ci crede più quasi nessuno. Su otto scrutatori nominati ne sono venuti due. Da qualche parte, su otto, nessuno.


Anche nel rispetto per gli altri non ci crede più nessuno: quelli che non vogliono farlo, lo scrutatore, non si prendono neppure la briga di avvisare per essere sostituiti. Alla faccia di chi li aspetta.


C'è una multa, per chi non si presenta senza valido motivo, da euro 206 a euro 516. Spero che le applichino, ste sanzioni, una buona volta.

Nessun commento:

Posta un commento