martedì 6 aprile 2004

VARENNA Mi sono isc...

VARENNA


Mi sono iscritta ad un corso che si prospetta piuttosto interessante, sul tema delle cure palliative. Costoso. E mi sono trovata difronte ad una proposta alberghiera da nababbi.


Io, lo confesso, da qualche parte dentro di me rimango convinta che una caramella gommosa di menta costi una lira, dieci per dieci lire, in alternativa due caramelle ripiene per lo stesso costo, un ghiacciolo lire venticinque ed un cono due gusti lire quaranta. Nella mia testa euro 516 sono uguali ad un milione, un milione e cinquantatremila lire erano il budget mensile mio e di mio marito nel primo anno da sposati, riuscivamo pure a risparmiare, mi sembravano tanti e, perdonate, mi sembrano tanti ancora.


Così spendere un milione di lire IN PIU' per sei giorni di pranzi e cene alberghieri mi ha fatto balzare il cuore nel petto, girare la testa, impossibile, mi sono detta. Il classico schiaffo alla miseria.


Sono alla ricerca di una soluzione creativa. Non a Varenna, impossibile, da quanto ho visto. Ma a Bellano, forse...


Sono graditi suggerimenti.


Intanto sabato vado in avanscoperta col marito!


(P.S. credo che per la maggior parte dei partecipanti il problema si ponga in termini diversi: in genere pagano gli ospedali o le usl da cui dipendono. Probabilmente sarò tra i pochi a pagare di tasca propria.....)

Nessun commento:

Posta un commento